Footwear and comfort. By Marchetto Pellami

piedi felici
Have you ever noticed how the sound of footsteps denotes (already from afar) the quality of a shoe? An empty echo generally reveals footwear with poor quality soles and heels. A plastic clop hints at footwear with no trace of leather. Yet, in spite of the fact that the importance of ensuring feet are in contact with natural and good quality material is well known (as we have already written regarding children’s shoes), there are synthetic products on the market that draw us with their low prices and styles that imitate the latest fashion.
But what are the risks? Wearing poor quality shoes means having to suffer from pain in the feet and ankles, discomfort in the soles of the feet, blisters or even worse, allergies, risk of sprain and back pain, especially when it comes to footwear with high heels. Yet the synthetic market is growing, to the increasing dismay of Turkish footwear manufacturers, as stated in the Mdp sector newsletter, which would claim protectionist measures to prevent the closure of some companies.
A curious fact: National Geographic recently wrote of footwear found in Armenia, dating back to 5500 years ago, perfectly preserved thanks to a particularly favourable habitat, a cave and several layers of sheep dung. Made out of a single piece of cowhide, the article states, the shoe is laced both on the front as well as on the back. “The leather was cut into two layers and tanned: this must have been a rather innovative technique”, says Ron Pinhasi of the University College Cork in Ireland, co-director of the excavation.

Moral: if leather shoes have worked for thousands of years, why on earth do we prefer plastic shoes?

Leather shoe dating back to 5500 years ago                                              Leather shoe dating back to 5500 years ago
Annunci

Scarpe e comfort. Di Marchetto Pellami

piedi felici
Avete mai notato come il suono stesso dei passi denoti ( già da lontano) la qualità di una scarpa? Una eco vuota palesa in genere scarpe con suole e tacchi di scarsa qualità. Un plastico scalpiccio fa intuire calzature che di pelle non hanno neanche l’ombra. Eppure, nonostante sia nota l’importanza che il piede sia a contatto con materiale naturale e di buona qualità (come abbiamo già scritto anche noi sulle scarpe per i bambini), ci sono comunque sul mercato prodotti sintetici che invogliano per i loro prezzi bassi e stili che ammiccano alla moda più attuale.
Ma cosa si rischia? Portare scarpe di scarsa qualità significa incorrere in dolori a piedi e caviglie, senso di fastidio alla pianta dei piedi, vesciche o ben peggiori allergie, rischio di distorsioni e mal di schiena in particolare quando si tratta di calzature con il tacco alto. Eppure il mercato del sintetico cresce, con altrettanto crescente disappunto ad esempio dei calzaturieri turchi, come si legge nella newsletter di settore Mdp, che reclamerebbero misure protezionistiche per scongiurare la chiusura di alcune aziende.
Una curiosità: di recente il National Geographic ha scritto di una calzatura trovata in Armenia, datata 5500 anni fa, perfettamente conservata grazie ad un habitat particolarmente favorevole, una grotta e vari strati di escrementi ovini. Realizzata a partire da un unico pezzo di pelle bovina, si legge nell’articolo, la calzatura presenta un’allacciatura sia sul fronte che sul retro. “Il pellame è stato tagliato in due strati e conciato: il che doveva costituire una tecnologia piuttosto innovativa”, dice Ron Pinhasi dell’University College Cork in Irlanda, condirettore dello scavo.

Morale: se le scarpe in pelle hanno funzionato per migliaia di anni, chi ce lo fa fare di preferire scarpe di plastica?

Scarpa in pelle risalente a 5500 anni fa                                                  Scarpa in pelle risalente a 5500 anni fa

http://www.marchettopellami.com/news/scarpe-e-comfort-di-marchetto-pellami/

TheMicam , dal 15 al 18 settembre a Milano, svela la moda calzaturiera della prossima estate.

Immagine

“La nostra azienda ha una lunga storia nella produzione di pelli per i migliori calzaturifici italiani – racconta Danilo Marchetto, presidente di Marchetto Pellami – fin dal 1988, anno di fondazione della nostra impresa, abbiamo operato in questo settore, anche se non in maniera esclusiva”. Per una conceria, produrre pelle per calzature di qualità implica, oltre a grande competenza tecnica, anche un’alta versatilità sia per corrispondere ai diktat del fashion ma anche per anticiparli e interpretarli, con le loro sempre nuove espressioni di stile, colore e manifattura.

Leggi qui tutto l’articolo.

 

Wild Fashion From The Stone Age. By Marchetto Pellami

borsetta denti cane

National Geographic becomes a hunter for primitive fashion trends and releases a news about a singular archaeological discovery : the finding of a handbag from the stone age, decorated with dog’s teeth, perfectly lined up to embellish the closing flap of the bag. This is the first time such a peculiar relic has been discovered, but the archaeologists are keen to believe that the item was originally used as a carrier bag . Being produced presumably 2500 years B.C., nothing is left from the original leather cover, while the dog’s teeth are still intact, perfectly lined up to decorate the item.

http://www.marchettopellami.com/en/news-eng/wild-fashion-from-the-stone-age-by-marchetto-pellami/

Moda Bestiale Dell’età Della Pietra. Di Marchetto Pellami

borsetta denti cane

Il National Geographic diventa cacciatore di arcaiche tendenze moda e racconta di una scoperta archeologica davvero unica: il ritrovamento di una borsetta dell’età della pietra, adornata con denti di cane, perfettamente allineati ad abbellire la patta di chiusura del borsa. E’ la prima volta che viene rinvenuto un manufatto del genere, ma l’uso, sostengono gli archeologi, pare essere proprio quello di una sacca. Datando presumibilmente 2500 anni prima di Cristo, non rimane ovviamente nulla delle pelle con cui era realizzata la borsa, mentre si mantengono ancora oggi i denti di cane perfettamente allineati ad adornare l’oggetto per una moda decisamente bestiale.

http://www.marchettopellami.com/news/moda-bestiale-delleta-della-pietra-di-marchetto-pellami/