Bonded or regenerated, and the qualities of leather are just a memory

images (1)
Whether bonded or regenerated, just a small part is real leather. This little part is made up of fibres or leather pieces, typically scraps of natural leather, which using a procedure similar to that in recycling paper, are ground and mixed with rubber, latex and other synthetic materials. The mixture is then pressed into sheets of varying thickness, depending on its use.  The finishing phase includes processes such as, calendering, grinding and painting. Finally, in the embossing phase, the sheets are printed with designs to imitate the texture of natural leather. Use of bonded or regenerated leather is increasing particularly in furniture production and bag and footwear manufacturing. The visual and tactile characteristics of the product may look like natural leather. However, the true qualities of leather such as breathability, strength and durability are not present with the result that a sofa in bonded leather in many cases may  be  easily damaged. Indeed, the aesthetics of natural leather improve with use and there are no problems with durability. On the other hand, regenerated leather tends to crack and is then virtually irretrievable. So, be careful buying, when a leather product has a suspiciously low price, but the seller assures you that this is real leather. Check to see if you are buying bonded leather. The term regenerated leather is attractive as it implies recycling, However, it is worth remembering that the tanning industry is in fact one element in the food chain and that another byproduct of the tanning process, is its application in agriculture as fertilizer. The association of ecology with bonded leather remains an idea not a reality, on account of the use of many chemicals to process it.

http://www.marchettopellami.com/en/news-eng/bonded-or-regenerated-and-the-qualities-of-leather-are-just-a-memory/

Annunci

Bonded o rigenerata, e le qualità della pelle sono solo un ricordo

images (1)
Bonded o rigenerata, di pelle c’è poco. Quel poco sono le fibre o pezzettini di pelle, in genere scarti di lavorazione della pelle naturale, che con un procedimento simile a quello della carta riciclata, vengono triturati e mischiati a gomma, lattice ed altri aggreganti sintetici. Il composto viene poi pressato in fogli di vario spessore a seconda dell’utilizzo che se ne vuole fare. In una successiva fase di finitura, avvengono i processi di calandratura, smerigliatura e verniciatura ed infine i fogli, con la fase di goffratura, vengono stampati con disegni tali da imitare la grana della pelle naturale. L’uso di bonded leather o pelle rigenerata si sta diffondendo soprattutto nella produzione di arredi, borse e calzature. Ma sebbene le caratteristiche visive e tattili del prodotto possano somigliarsi, le vere qualità della pelle naturale come la traspirabilità, la resistenza e durata non vengono certo mutuate, con il risultato che comprare un divano in bonded leather significa trovarsi in molti casi con un prodotto che si rovina facilmente. Infatti, se la pelle naturale con l’uso migliora nell’estetica e non ha problemi di durata, la bonded leather si usura e tende a spaccarsi, in modo praticamente irrimediabile. Attenzione quindi agli acquisti, se un prodotto in pelle ha un costo sospettosamente basso, ma il venditore vi assicura che si tratta proprio di pelle, verificate se state comprando bonded leather. Il termine pelle rigenerata attrae soprattutto per l’idea di riciclo che porta con sé, ma a questo proposito è bene ricordare che l’industria della concia è di fatto una filiera dell’industria alimentare e che un altro sistema di riutilizzo della pelle, anche successivamente ai processi di concia, è la sua valorizzazione in agricoltura come fertilizzante. L’idea di ecologia che la bonded leather porta con sé, con l’uso dei molti prodotti chimici necessari per la sua lavorazione, rimane quindi, solo un’idea.

http://www.marchettopellami.com/news/bonded-o-rigenerata-e-le-qualita-della-pelle-sono-solo-un-ricordo/

Maestri Della Concia / The Book: Masters Of Tanning

COPERTINA_MAESTRI_DELLA_CONCIA_FRONTE_01
A book full of life stories, testimonies and images, co-written by Antonio Fabris and Mirco Crestani. It spans more than five decades of the Technical Industrial School Galileo Galilei of Arzignano and reflects the history of the entire Vicenza tannery district. Photos of students, teachers, labs and visits by foreign delegations, immediately give a sense of the great dynamism of this institution, founded in 1960 thanks to a synergy between businessmen and politicians of the time, and which has created generations of technical tanning experts. “There was nothing similar in the world- said Fabris, a teacher  at the ITI Galilei since 1978 – and the teachers themselves, in a pioneering way, invented teaching programmes based on their own technical culture, often experienced in the tanneries”. In 2015, the ITI Galilei celebrates the fiftieth anniversary of the first students’ graduation in 1965 with this volume entitled “Masters of tanning, a school in this territory and the world”. An extract of Il Giornale di Vicenza of 1964, reproduced in the book, states “A unique institution in the Veneto region, well-known abroad. Before graduation, these specialists are commissioned by major Italian and European companies”. This underlines the outstanding contribution to the professionalism of thousands of students and the provision of an economic boost to the area. Is this still the case? “Today a high standard of professionalism is required” says Fabris “and the role of the pure technician, is no longer sufficient to represent the complexity of this profession and the multiplicity of disciplines which students must acquire, from legislation to increasingly, environmental topics”. With this book, the high school and its people, want to remind the whole valley, the entrepreneurs, the politicians, and the entire tanning district, how by its spirit of strategic propulsion it will contribute, now and in the future, to fostering vibrant and responsible economic development of the region.

http://www.marchettopellami.com/en/news-eng/maestri-della-concia-the-book-masters-of-tanning/

Maestri Della Concia

COPERTINA_MAESTRI_DELLA_CONCIA_FRONTE_01
Un volume ricco di racconti di vita, testimonianze e immagini, quello scritto a quattro mani da Antonio Fabris e Mirco Crestani, per raccontare oltre cinque decadi di vita dell’Istituto Tecnico Industriale G. Galilei di Arzignano, specchio della storia di tutto il distretto vicentino della concia. Foto di studenti, insegnanti, laboratori e visite di delegazioni estere, fanno subito intuire la grande dinamicità di questo istituto, fondato nel 1960 grazie ad una sinergia tra imprenditori e mondo politico dell’epoca, e che ha saputo creare generazioni di periti e tecnici conciari. “Non esisteva niente del genere in tutto il mondo – racconta Fabris, dal 1978 insegnante dell’ITI Galilei – e gli stessi professori, in maniera pionieristica, si dovevano talvolta inventare programmi d’insegnamento basati sulla loro personale cultura tecnica, spesso sperimentata nelle concerie del distretto”. Nel 2015 l’ITI Galilei festeggia il cinquantenario dalla licenza dei suoi primi periti, avvenuta a cinque anni dall’avvio, nel 1965, con questo volume titolato “Maestri della concia, una scuola tra territorio e mondo”. In un ritaglio de Il Giornale di Vicenza del 1964, riprodotto nel volume, si legge “Un istituto unico nel Veneto, ormai conosciuto anche all’estero. Già prima del conseguimento del diploma, questi specialisti sono prenotati dalle maggiori industrie italiane ed europee “a chiarire l’eccezionale contributo alla professionalità di migliaia di studenti e il volano economico che tale istituto ha rappresentato per il territorio. E’ ancora così? “Oggi la professionalità richiesta è molto alta – sottolinea Fabris – e la figura del tecnico puro, non è più sufficiente a rappresentare la complessità di questa professione e la molteplicità di discipline che gli studenti devono acquisire, a partire da aspetti legislativi e ambientali sempre più complessi”. Con questo libro, l’istituto e le sue persone, ricordano alla vallata, agli imprenditori, alla classe politica, a tutto il distretto conciario, di quanto sia stato strategico lo spirito propulsivo dato dall’ITI Galilei e di come lo sarà anche in futuro per favorire un vivace e responsabile sviluppo economico del territorio.

http://www.marchettopellami.com/news/maestri-della-concia/

Marchetto Pellami’s Commitment To Sustainability Is Featured In The Events Special Edition Of The Sole 24 Ore North-East

silos
In 2011, Marchetto Pellami invested in a cogeneration system to produce the energy required for the entire production plant. “Today we produce 100% of our energy requirements, both electrical and thermal, thanks to a co-generator powered by renewable sources,”explained Danilo Marchetto to the editorial staff of Events Special Edition of the Sole 24 Ore North-East that last 25 may published a company profile, emphasising the company’s commitment to make the production fully green. The co-generator is installed in the production plant and, with its 940 kW of power, is sufficient to meet electricity needs. A heat recovery system connected to the co-generator generates thermal energy required to heat the water used for the entire plant. Fuel used for the cogeneration system is pure vegetable oil and is not chemically modified. It allows  energy to be produced with minimal environmental impact and low emissions thereby reducing carbon dioxide, the main cause of global warming. The company is also considering  using animal fat  from the tanning process, as fuel. Its use, as with vegetable oil would ensure a closed cycle of carbon dioxide. It would also be useful to recycle a byproduct of the tanning industry, otherwise subject to expensive  disposal with adverse impact on the environment. Investment in a co-generator system is one of the stages of a process in which the company is engaged to reduce environmental impact. This includes recovery of water, reducing use of chemicals, creating a wet white tanning process without chrome and metal for the furnishing sector and writing sustainability reports. Follow this link to read the full article (only in Italian).

http://www.marchettopellami.com/en/news-eng/marchetto-pellamis-commitment-to-sustainability-is-featured-in-the-events-special-edition-of-the-sole-24-ore-north-east/

L’impegno Green Di Marchetto Pellami Raccontato Nell’inserto Eventi Speciali Del Sole 24 Ore Nordest

silos
Nel 2011 Marchetto Pellami ha investito in un cogeneratore per produrre l’energia necessaria a tutto lo stabilimento produttivo. “Oggi produciamo il 100% del fabbisogno energetico, sia elettrico che termico, della nostra azienda, grazie ad un cogeneratore funzionante con combustibile da fonti rinnovabili” ha spiegato Danilo Marchetto alla redazione di Eventi Speciali Sole 24 Ore Nordest che nel numero del 25 maggio scorso, ha pubblicato un profilo aziendale enfatizzando l’impegno nel rendere la produzione ad alto coefficiente green. Il cogeneratore è installato nella sede produttiva dell’azienda e, con i suoi 940 kW di potenza, copre abbondantemente le necessità di energia elettrica. Grazie poi ad un sistema di recupero termico collegato al gruppo elettrogeno, ricava anche l’energia termica necessaria a riscaldare l’acqua utilizzata per tutta la produzione dello stabilimento. Il combustibile utilizzato per il funzionamento del sistema di cogenerazione è olio vegetale puro, non chimicamente modificato. Questo permette di produrre energia con impatto ambientale ridotto al minimo e con bassissime emissioni in atmosfera di anidride carbonica, principale responsabile del surriscaldamento della terra. L’azienda sta inoltre valutando la possibilità di impiegare come combustibile il grasso animale risultante dal processo di concia.  Il suo utilizzo, oltre a garantire come l’olio vegetale il rispetto di un ciclo chiuso dell’anidride, andrebbe a valorizzare un sottoprodotto dell’industria conciaria, altrimenti soggetto a costosi e impattanti smaltimenti. L’investimento nel cogeneratore è una delle tappe di un processo che vede l’azienda impegnata su vari fronti in ambito ambientale: il recupero delle acque, la riduzione nell’uso di prodotti chimici, la creazione di un processo di concia wet white, senza cromo e metalli per il settore dell’arredo, la stesura di report di sostenibilità. Leggi l’articolo completo a questo link (solo in Italiano).

http://www.marchettopellami.com/news/limpegno-green-di-marchetto-pellami-raccontato-nellinserto-eventi-speciali-del-sole-24-ore-nordest/